amnesty

Sosteniamo la campagna di Amnesty sui codici identificativi

Oggetto: Campagna Amnesty International “Codici identificativi subito” Premesso che

• Venti anni fa, tra giovedì 19 luglio e domenica 22 luglio 2001, si è svolto nella città di Genova il G8 e contestualmente, soprattutto, hanno avuto luogo alcuni degli episodi più violenti e oscuri della storia italiana dal secondo dopo guerra (piazza Alimonda, scuola Diaz, caserma di Bolzaneto). Per usare le parole di Amnesty International, in quei giorni ci si è trovati di fronte “alla più grave sospensione dei diritti democratici in un Paese occidentale dopo la seconda guerra mondiale”

Considerato che

• A causa dell’impossibilità di identificare gli esecutori materiali da parte dell’autorità giudiziaria oggi molti dei responsabili delle violazioni dei diritti umani commesse in quei giorni sono impuniti.

• Anche negli anni successivi, vi sono stati altri episodi in cui le forze dell’ordine hanno utilizzato in modo sproporzionato la forza violando in modo palese i diritti umani (ultimo in ordine di tempo quanto accaduto ad aprile 2020 nel carcere di Santa Maria Capua Vetere)

Ritenuto che

• Le forze di polizia debbano essere protagoniste della protezione dei diritti dei cittadini e che per questo motivo divengono essenziali la prevenzione degli abusi, il riconoscimento delle eventuali responsabilità e la trasparenza, in linea con gli standard internazionali in materia.

• Episodi di uso ingiustificato della forza non debbano più ripetersi e soprattutto non debbano portare a pericolose generalizzazioni.

• L’introduzione dei codici identificativi diventerebbe una garanzia per i cittadini ed una tutela per tutti gli agenti che svolgono il proprio lavoro in maniera corretta.

Visto che

• Già nel 2012 il Parlamento Europeo ha richiesto agli stati membri di “garantire che il personale di polizia porti un numero identificativo” sulle divise e che la maggior parte degli stati membri (21 su 28) hanno adempiuto a tale richiesta, mentre l’Italia non l’ha fatto

Il consiglio comunale di Agliana impegna

• il Presidente del Consiglio Comunale ed il Sindaco a portare all’attenzione del Ministro dell’interno la necessità di varare una normativa che preveda l’utilizzo di codici identificativi sulle divise degli agenti impegnati in attività di ordine pubblico • il Sindaco e la Giunta a farsi promotori della campagna di Amnesty International Italia dal nome “CODICI IDENTIFICATIVI SUBITO” da cui son riprese le finalità del presente ODG e inoltre a mettere in campo, per le proprie possibilità, ogni azione utile a sensibilizzare l’opinione pubblica aglianese sul tema.

Massimo Vannuccini

Luisa Tonioni

Stefano Pieri

SCARICA L’ODG

Sosteniamo la campagna di Amnesty sui codici identificativi

Potrebbe anche interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Internal NC Code: 1306
Message: Could not connect to token.alt.nucaptcha.com:80