Agliana in ostaggio del Sindaco Benesperi

Resa dei conti in consiglio comunale: ma a pagarne le conseguenze è tutta la cittadinanza aglianese. Dopo la fuoriuscita di Agliana civica e il conseguente passaggio all’opposizione nella seduta di martedì scorso 29 novembre, il sindaco si ritrova a far la conta dei propri consiglieri. Questa è la dimostrazione, qualora ce ne fosse nuovamente bisogno, dell’incompetenza politica di cui dà sfoggio ormai da più di tre anni la giunta a guida Benesperi.

E’ urgente capire se c’è ancora una maggioranza piena in Consiglio Comunale e se è la stessa che si è presentata all’elezioni vincendole al ballottaggio oppure se è il frutto di un accordicchio con passaggio dall’opposizione alla maggioranza del gruppo “Agliana cambia”. Agliana tutta merita rispetto e questo atteggiamento arrogante, questa cieca e strenua perseveranza nel voler (mal) governare a tutti i costi, dimostra soltanto un forte quanto ridicolo attaccamento alla poltrona.

Il paese è bloccato; vengono sbandierate ai quattro venti opere che poi restano solamente sulla carta: il progetto della nuova piazza Gramsci per esempio, mai decollato, o la messa in sicurezza del Parco Pertini e dell’illuminazione dell’area sgambatura al suo interno, il nostro polmone verde completamente preda dell’incuria e del degrado, la nuova biblioteca, nuove piste ciclabili, per non parlare della mancanza di visione e prospettiva sul sociale e sulla scuola e cultura.

La campagna elettorale è finita da un pezzo e gli aglianesi, ormai invano, si aspettano che alle parole facciano seguito fatti, che ad oggi latitano. Serve un’ammissione di colpa e un drastico passo indietro caro Sindaco, serve riconoscere che non ha più la maggioranza che l’aveva sostenuto ed eletto ed essere conseguente

Agliana in ostaggio del Sindaco Benesperi

Potrebbe anche interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Internal NC Code: 1306
Message: Could not connect to token.alt.nucaptcha.com:80